GIORNATE DELLA PREVENZIONE

  • Controllo gratuito Capelli

    Maggio

    Controllo gratuito Capelli

    Autoanalisi del Capello La Farmacia S. Elena propone un servizio di autoanalisi del capello “ Vital Plus “, avvalendosi  di dermoconsults altamente qualificati ch...
  • TRATTAMENTI VISO

    MAGGIO

    TRATTAMENTI VISO

    Chiamaci e prenota un trattamento viso ( esfoliante, anitiage, antirughe, pulizia del viso e tanti altri ) per preparare la tua pelle ad una estate da URLO !! Si richiede la pre...
Autoanalisi e Misurazione Parametri
Autoanalisi e Misurazione Parametri
Prenotazioni CUP e utilità
Prenotazioni CUP e utilità
Cosmesi
Cosmesi
La tua dieta
La tua dieta
Alimenti per diabetici
Alimenti per diabetici
Analisi degli alimenti
Analisi degli alimenti
Noleggi
Noleggi
Giornate della prevenzione
Giornate della prevenzione
Test del DNA
Test del DNA
Intolleranze alimentari
Intolleranze alimentari
Consigli alimentari per patologie
Consigli alimentari per patologie
Numeri utili
Numeri utili

Autoanalisi e Misurazione Parametri

Prenotazioni CUP e utilità

Cosmesi

La tua dieta

Alimenti per diabetici

La dieta dei diabetici non è diversa da quella raccomandata alla popolazione in generale: dieta povera di grassi, carni rosse, insaccati, zuccheri e sale, con frutta e verdura in maniera adeguata (per quanto riguarda la frutta si consiglia di consumarla con le dovute accortezze, soprattutto quella più zuccherina, per via del contenuto di fruttosio), e con pasti basati su cibi amidacei integrali , come pasta, pane, riso, cereali e legumi.

Una persona con diabete se adeguatamente educata, può mangiare qualsiasi cosa purché presti attenzione alle quantità e alla combinazione dei diversi alimenti. In generale però i diabetici devono tenere maggiormente sotto controllo il consumo giornaliero di farinacei, quali pasta e pane, e di dolci a causa del loro alto contenuto glicemico. Nella dieta mediterranea pane e pasta costituiscono la base dell’alimentazione, non è quindi corretto eliminarli. Giusto Diabel propone una linea di paste studiate specificamente per i diabetici, ad alto contenuto di fibre e con un basso indice glicemico.

Carboidrati: risposta post-prandiale dipende da indice e carico glicemici

Lo sostiene un panel internazionale di esperti che ha stilato un documento di consenso per promuovere la diffusione di informazioni circa l’importanza della qualità e quantità di carboidrati nel contesto di una dieta equilibrata e stili di vita corretti.

La risposta glicemica post-prandiale (Ppg, post-prandial glycemia), cioè l’andamento dei livelli di glucosio e insulina nel sangue, è innescata dai carboidrati disponibili in un alimento o un pasto, dopo il consumo. La Ppg si differenzia da persona a persona, in funzione anche dello stile di vita: controllarla può avere benefici effetti sulla salute. I due indici che bene descrivono le proprietà fisiologiche degli alimenti ricchi in carboidrati sono l’indice glicemico (glycemic index, Gi) e il carico glicemico (glycemic load, Gl). L’indice glicemico è un valore, su una scala da 0 a 100, che classifica i carboidrati sulla base della loro tendenza ad innalzare la concentrazione di zuccheri nel sangue dopo il consumo: alimenti con un alto Gi (>70) provocano un rapido incremento della glicemia; alimenti a basso Gi (<55) determinano incrementi graduali. Il carico glicemico invece, mette in relazione la qualità dei carboidrati disponibili (Gi) con la quantità nella porzione media o nella ricetta. Dal 1999, il Who (World health organisation) e la Fao (Food and agricultureorganisation) raccomandano per i paesi industrializzati il consumo di alimenti a basso indice glicemico, per prevenire alcune fra le malattie più comuni. Ci sono oggi convincenti evidenze, che la riduzione della risposta glicemica abbia un effetto fisiologico benefico: perché limita il rischio di coronaropatie; migliora il controllo glicemico nel diabete di tipo 1 e 2 e riduce il rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2 per le persone sovrappeso e con uno stile di vita sedentario; aiuta la gestione del peso e riduce la massa grassa. Il valore di questi indici è ben noto presso la comunità scientifica, concorde nel raccomandare il consumo di alimenti a basso Gi. In Italia non si sono ancora elaborati riferimenti specifici, a differenza di Australia e Nuova Zelanda, sebbene si faccia un accenno proprio nell’ultima revisione dei Larn, i livelli di assunzione raccomandata per la popolazione italiana (Sinu, 2012). Questo perché, per il consumatore, i concetti in gioco non sono di facile applicazione nell’ambito della dieta giornaliera. Il valore di Gi di un alimento può variare in funzione delle modalità di preparazione o anche della composizione del pasto. In linea generale, si può tenere sotto controllo la risposta glicemica scegliendo di consumare carboidrati a lenta digestione e lento assorbimento (basso Gi). Molti degli alimenti con basso Gi sono quelli della tradizione mediterranea: lenticchie, ceci, pasta, orzo e fagioli. La cottura è un parametro pratico che può avere grande influenza: cereali come pasta e riso cotti “al dente” presentano un minor Gi rispetto agli stessi, cotti più a lungo: cotture prolungate in acqua modificano l’amido al punto da renderlo più facilmente attaccabile dagli enzimi digestivi; questo viene assorbito velocemente, provocando un più alto picco glicemico post-prandiale. Per conoscere l’indice glicemico degli alimenti è necessario oggi ricercarlo in manuali e banche dati digitali (la più accreditata è quella redatta dall’università australiana di Sidney).  Eccone qualche esempio:

Alimento

GI*

Glucosio

100

Patate (quasi tutte)

77

Pane bianco

70

Saccarosio

65

Pizza

57

Pasta al dente

45

Mela

40

Legumi

35

Pomodori

9

*Riferito a soluzione glucosata = 100
Esempi di alimenti comuni ad alto/medio/basso GI (da Nfi) 

http://www.giustogiuliani.com/diabetici/

Analisi degli alimenti

Noleggi

Giornate della prevenzione

Test del DNA

Intolleranze alimentari

Consigli alimentari per patologie

Numeri utili

Croce Blu: 059 342424
Croce Rossa: 059 222209
Emergenza Infanzia: 114
Emergenza Sanitaria: 118
Guardia Medica: 117
Informagiovani/U.R.P./Informadonna: 059 20312
Ospedale-Policlinico di Modena (centralino): 059 4222111
Ospedale- S.Agostino/Estense (Baggiovara): 059 3961111
U.S.L. (centralino): 059 435111
Viaggiare Informati: 1518

 

SERVIZIO DI TURNO
orario continuato 8/20 dal lunedì' alla domenica
sabato: farmacie di turno orario continuato
farmacie d'appoggio orario normale

 

SERVIZIO NOTTURNO (dalle ore 20 alle ore 8)
Comunale del Pozzo - Via Emilia Est 416 (zona Policlinico)
Madonnina - Via W. Tabacchi 5 (zona Via Emilia Ovest)

 

Guardia Medica notturna, festiva e prefestiva
059 375050
Guardia Medica Veterinaria festiva animali d'affezione
059 311812

 

Consegna farmaci urgenti a domicilio:
servizio diurno 059 343156 - 059 342424
servizio notturno 059 244320

 

CEIS
V. Toniolo, 125 - Modena
Tel. 059 315331 - Fax 059 315353
Servizio per tossicodipendenza, alcoolismo, minori


Quando il tuo medico non c'è rivolgiti a:

MeMo3
Via S. Giovanni Bosco, 226-228 - Tel. 059 2271695
Sabato e prefestivi dalle 10.00 alle 14.00
Domenica e festivi dalle 10.00 alle 14.00

MDF
Via Rainusso, 138/A - Tel. 059 334476
Sabato e prefestivi dalle 15.00 alle 19.00
Domenica e festivi dalle 15.00 alle 19.00